La Storia

STORIA E IMMAGINI

Situata tra Roma e i Castelli Romani è un ponte ideale tra urbanizzazione e genuinità agreste. Una città moderna, capace di ospitalità, collegata a paesi vicini e lontani con le sue linee ferroviarie e aeroportuali.

 

A Giovanni Giustino Ciampini, erudito e archeologo (1633-1698), una volta qui residente, si deve l’attuale nome di Ciampino. Nello stemma civico compaiono sei dardi e sei grappoli d’uva, a rappresentare gli aerei che hanno portato il nome di Ciampino nel mondo e il prodotto principale della terra prima dell‘esplosione demografica.La posizione geograrca di CiamPino è strategica: a soli 10 Km in direzione Sud dal centro di Roma e a 10 minuti da quella meravigliosa catena di paesi meglio conosciuti come Castelli Romani. Superrcie: 12 Km2.Abitanti: circa 37.000. Altitudine s.l.m.: 150 m.La città si adagia tra la via consolare Appia e l’Anagnina, subito fuori del Grande Raccordo Anulare. In pochi minuti si possono raggiungere i monti circostanti e in neanche mezz’ora le spiagge del litorale romano.

 

Una parte del territorio è attraversata dall’Appia Antica. L’Acquedotto romano, attualmente all’interno del G.R.A., un tempo passava per CiamPino. Sono visibili ancora oggi testimonianze del Medioevo e del Rinascimento: torri, castelli, casali dei secoli XVI, XVII e XVIII. Uno di questi – il Casale dei Monaci – è stato ristrutturato ed è diventato un centro culturale e di accoglienza di prim’ordine.L’aeroporto “G. Pastine” è una base militare aperta al traffico civile nazionale e internazionale. La stazione FF.SS. costituisce un importante nodo ferroviario da cui si dipanano le linee che collegano Roma con Frascati, Albano, Velletri, Cassino e anche Napoli.A 3 Km c’è la stazione Metro Anagnina per chi va a Roma centro, e circolari interne collegano l’aeroporto con la Metropolitana.Feste tradizionali sono: il Sacro Cuore di Gesù, patrono della città (giugno), il Carnevale, il Natale Ciampinese.La vita cittadina viene animata da frequenti Concerti,Rassegne musicali, il Festival jazz, le Mostre d’arte,le Fiere, i Convegni, le Feste parrocchiali, il Cinestate.La “d’Ac”, galleria d’arte contemporanea, ospita mostre di autori famosi.

 

La biblioteca “P.P. Pasolini” è ricca di volumi e di visitatori.Avvenimenti sportivi di carattere nazionale e internazionale vi si svolgono con cadenza annuale.Ogni mercoledì, a via Londra e dintorni, il mercato settimanale richiama migliaia di acquirenti. La prima domenica del mese, nella piazza antistante il municipio, c’è il mercatino dell’antiquariato e curiosità.

 

——————————————–

 

Ciampino, frazione di Marino sino al 1974, è un comune di 37.984 abitanti della provincia di Roma. Un decreto del presidente della Repubblica dell’8 settembre 2004 ha conferito al comune il titolo di città.È sede dell’aeroporto internazionale Giovan Battista Pastine, comunemente detto aeroporto di Roma Ciampino, un aeroporto militare aperto al traffico civile, la cui società di gestione è la società Aeroporti di Roma S.p.A.. Presso l’aeroporto è ubicato il Centro Regionale di Assistenza al Volo (CRAV), un impianto dell’ENAV, responsabile dello spazio aereo della FIR di Roma.

 

Il territorio di Ciampino è praticamente adiacente alla antica Via Appia, ed era in età romana, sede di fattorie e ville rustiche la più famose delle quali è quella di Quinto Voconio Pollione risalente al secondo secolo d.c..Ciampino deve il suo nome a Giovanni Giustino Ciampini, un prelato dalla curia pontificia, scienziato e archeologo nato a Roma nel 1633 e morto nel 1698.Proprietario di un casale in località Ad Decimum ai piedi dei Castelli romani, alla sua morte sulle mappe catastali viene indicato come Il casale di Ciampino e il vasto territorio agricolo nei suoi pressi viene indicato con il nome di Vigna Ciampini.Nel corso dei secoli non vi sono avvenimenti di rilievo, e il territorio era pressoché sede di piccoli casali. Il primo segnale di rilievo è stata la costruzione nel 1856 di una ferrovia di collegamento Roma-Frascati e la conseguente creazione di una galleria che prende il nome di Galleria di Ciampino.Il (29 ottobre 1910) viene fondata la Società Anonima Cooperativa Colli Parioli che acquista dei terreni appartenenti ai Colonna e da destinare ai suoi soci per dar vita ad un primo progetto di città. Si opta per una soluzione di Città Giardino e viene stilato un Piano Regolatore.Nel 1916 si costruisce una stazione dei Carabinieri e una base militare che viene intitolata all’appena scomparso pilota di aerostati Giovan Battista Pastine adatta ad accogliere le aeronavi della Regia Marina.Nel 1922 inizia la costruzione di un edificio casa religiosa per l’accoglienza delle Ancelle del Sacro Cuore con annesso collegio e nel 1925 viene eretta la parrocchia del Sacro Cuore di Gesù che sarà patrono della città.Intanto prosegue lo sviluppo dell’aeroporto militare che viene diviso in due per accogliere, oltre ai dirigibili, anche gli aeroplani. Da questo scalo il giorno 10 aprile 1926 avviene il decollo del dirigibile Norge di Umberto Nobile. Successivamente nel 1928 partirà per far scalo a Milano la sfortunata missione verso il Polo Nord del dirigibile Italia.Nel 1931 gli abitanti a Ciampino sono appena 2.584.Nel 1938 viene costruita in pieno centro cittadino la distilleria ed enopolio dei Castelli Romani un progetto che decreta la fine del sogno della città giardino.Durante la Seconda Guerra Mondiale, Ciampino subisce gravi bombardamenti a causa delle vicinanze con l’aeroporto. Sia l’edificio religioso che la distilleria verranno gravemente danneggiati. Al termine del conflitto il collegio porterà (e porta tutt’ora) i segni e le rovine di una guerra drammatica.Il dopoguerra segna la lenta rinascita della città. L’attività della distilleria riprende e si costituisce la Cantina Sociale Cooperativa di Marino. L’aeroporto comincia ad essere utilizzato anche per scopi civili oltre che militari grazie alla creazione della Ali Flotte Riunite con rotte Roma-New York, Roma-Londra ed altre rotte internazionali.Siamo nel 1951 e Ciampino conta 5.510 abitanti, ma già nel 1961 essi sono passati a 12.277.Sono proprio gli anni sessanta che porteranno grandi cambiamenti. Il progetto di “Città Giardino” è ormai dimenticato, sono gli anni del “boom” edilizio e le nuove costruzioni si moltiplicano e non sempre fanno bella mostra di se. La città prende forma priva di un progetto razionale e soprattutto di infrastrutture e servizi. Sono anche anni di crescita demografica e culturale e a poco a poco nascono idee e comitati. Nasce il primo giornale locale cittadino Anni Nuovi tutt’ora attivo, le scuole le associazioni e in particolare la voglia di creare un proprio comune. Ciampino infatti è ancora solo frazione di Marino. Si costituisce un comitato politico per l’autonomia del comune nel 1972 che porta avanti numerose iniziative in tal proposito. La Legge Regionale n.69 del (25 settembre 1974) sancisce che Ciampino è divenuto l’8.064° Comune d’Italia. Il giorno (18 dicembre 1974) è il giorno riconosciuto della nascita delnuovo comune e sei mesi dopo viene eletto il primo sindaco di Ciampino Felice Armati a cui viene intitolato nel 2005 il Piazzale del comune.

 

Personaggi legati a Ciampino

 

* Pier Paolo Pasolini* Vincenzo Cerami* Corradino D’Ascanio* Giovanni Giustino Ciampini* Quinto Voconio Pollione* Paola Sarro* Umberto Nobile

 

Oggi

 

La Città

 

Dalla seconda metà degli anni novanta in poi, Ciampino ha conosciuto un periodo di importante sviluppo urbanistico e di servizi, con la costruzione del Municipio, della Biblioteca comunale, il rifacimento della Piazza principale (Piazza della Pace) e delle principali arterie stradali (Grande Raccordo Anulare, Via dei Laghi e Via Appia), la nascita del centro culturale, della Galleria d’Arte Comunale, nuovi parchi pubblici, il potenziamento della stazione ferroviaria (ora la seconda della Regione Lazio per importanza). La città di Ciampino è oggi, urbanisticamente, di importanza strategica per la sua funzione di “cuscinetto” tra la capitale ed i castelli romani, sia per mezzo della ferrovia, sia per le principali arterie stradali ed autostradali. A seguito della trasformazione da “città dormitorio” a “città dei servizi” avvenuta a cavallo tra la fine delsecolo scorso e l’inizio di quello attuale, Ciampino è divenuta “Città”.
Dal 2001 è attivo il mensile di informazione cittadina “Ciampino in Comune” a cura dell’Amministrazione Comunale, così come il sito web del comune, www.comune.ciampino.roma.it, premiato nel 2002 e nel 2006 tra i migliori cinque siti comunali d’Italia.

 

Lo sviluppo edilizio

 

Durante gli anni ottanta e novanta, Ciampino ha subito grandi trasformazioni, l’edilizia ha occupato molti dei territori adiacenti al centro cittadino, aumentando di conseguenza la popolazione che attualmente è superiore ai 37.000 abitanti. I risultati di questo sviluppo purtroppo sono la base di molte problematiche relative la viabilità e i servizi. Il traffico in particolari ore del giorno è spesso molto congestionato e la causa non è solo legata ai residenti. Ciampino è crocevia di ben quattro importanti destinazioni ferroviarie che uniscono i Castelli romani a Roma. Molti dei disagi sono creati appunto da passaggi a livello continuamente chiusi, infrastrutture inadeguate e il passaggio dei molti pendolari dei comuni adiacenti che attraversano le strade della città per recarsi alle grandi arterie di collegamento come il Grande Raccordo Anulare.L’aeroporto G.B. PastineIl nome di Ciampino è legato al suo aeroporto che nel corso del tempo è divenuto uno scalo sempre più importante e trafficato sia per il trasporto merci sia per il trasporto passeggeri. A dispetto di come viene comunemente chiamato (Aeroporto di Ciampino), esso è comunque situato territorialmente nel Comune di Roma. La vicinanza con Roma stessa lo ha sotto questo punto di vista enormemente aiutato nel suo sviluppo, da molti infatti è considerato il vero aeroporto di Roma. L’aeroporto di Ciampino è inoltre ancora una base militare e quindi scalo preferito in termini di sicurezza per la maggior parte dei capi di stato e personalità in visita a Roma e in Italia. Dopo decenni di ottima convivenza con il territorio limitrofo, dal 2002, con l’avvento dei vettori low-cost, il volume di traffico è più che triplicato, senza che siano state attuate le necessarie opere di adeguamento dell’impatto ambientale. L’Aeroportoha quindi profondamente cambiato la sua natura che era di “city-airport” principalmente dedicato ai voli di stato, dei vip e dei militari, con un volume di traffico compatibile con il territorio, divenendo uno scalo prettamente dedicato al commercio dei voli low-cost di Roma. Lo snaturamento senza regole dello scalo ha dato vita alla protesta dei comuni di Ciampino prima, ed in seguito Marino e Roma Sud e la nascita di un comitato cittadino dei tre comuni. Attualmente allo studio un Piano di riorganizzazione dello scalo con la necessaria valutazione di impatto ambientale che determini il volume di traffico aereo compatibile con lo scalo e con il territorio.

 

Arte e cultura

 

Ciampino risente molto della vicinanza di una importante città come Roma e non sempre positivamente. Se tale vicinanza infatti crea innumerevoli occasioni commerciali e lavorative è anche un forte polo attrattivo in termini di arte, cultura e intrattenimento, tanto da rendere i paesi adiacenti, sotto questo punto di vista, dei satelliti in cui una propria identità fa più fatica ad emergere.Negli ultimi anni le iniziative sono cresciute e Ciampino lentamente si è dotata di nuove strutture e di una sua identità culturale. Nel 1997 è stata inaugurata la Biblioteca Comunale Pier Paolo Pasolini dotata di oltre 10.000 volumi. Il 1999 vede l’inaugurazione della Galleria Comunale d’Arte Contemporanea d’AC sede di mostre di grande interesse. Nel 2000 è stato inaugurato l’Ostello della Gioventù capace di 84 posti letto e dotato di mensa e area conferenze. Dal 2002 è attivo il “Centro Culturale per le Arti Applicate e il Territorio” presso il Casale dei Monaci, laboratorio di molte iniziative culturali.

 

Manifestazioni ed Eventi

 

Ciampino è un paese relativamente “giovane”, con poche o nessuna tradizione. Tranne le feste patronali delle varie chiese Ciampino non offriva attrattive o ricorrenze storiche. Negli ultimi decenni il comune, le associazioni e la pro-loco stanno lentamente creando attrazioni e interessi nel territorio comunale. Il Carnevale Ciampinese è un’esempio dello sforzo in tal senso. Comune, scuole, pro-loco e tanti comuni cittadini che con impegno e sacrifici, abbelliscono strade e creano carri fantasiosi, coinvolgendo ogni anno sempre più persone.Esibizione di mongolfiere, mostre storiche di interesse aeronautico, eventi sportivi ed altro alla Festa dell’Aria e dello Sport arrivata alla quinta edizione, colorata manifestazione che si svolge tra la fine di Maggio e l’inizio di Giugno.Tutte le prime domeniche del mese, ad eccezione di quella di agosto c’è Il Mercatino dell’antiquariato, artigianato e oggetti tipici che si svolge dal 1998 presso il Piazzale antistante al Municipio.Un’altra importante manifestazione che si svolge a Ciampino è il Ciampino Jazz Festival ideato nel 1997 e organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Ciampino. Durante questi anni hanno partecipato importanti artisti del calibro di Roberto Gatto ed Enrico Rava.Dal 2002 si svolgono manifestazioni annuali ricorrenti come il Concorso Fotografico e Videoamatoriale “Città di Ciampino”, salito a rango di concorso nazionale dal 2005.Altro importante evento annuale è il “Torneo Internazionale Fenmminile di Tennis” che si svolge presso il Tennis Club Vigna Fiorita, con il patrocinio dell’amministrazione comunale.

 

Industria e commercio

 

Ciampino ha molto sviluppato il settore dei servizi e del commercio al dettaglio. circa 200 esercizi fanno di Ciampino un “centro commerciale naturale” anche grazie alla vicinanza con Roma e con i Castelli romani. Tutti i mercoledì dell’anno si svolge nel quartiere “Mura dei Francesi” un importante mercato settimanale, con oltre 200 espositori dei sottori alimentare, abbigliamento, utensili ed altro. A Ciampino si trova inoltre, al confine con Roma, la Sorgente Appia, fonte storica dove è possibile acuistare acqua direttamente dalle fontanelle. Poco sviluppato il settore industriale. L’unica vera industria presente è la Fratelli Spada Spa importante stabilimento grafico-editoriale presente a Ciampino dal 1969.

 

Archeologia

 

La vicinanza di Roma e la presenza nel territorio di ville di epoca romana ha reso possibile il ritrovamento nel corso del diciannovesimo secolo di importanti reperti archeologici nel territorio di Ciampino.Nel 1880 durante i lavori per la realizzazione di una linea ferroviaria, viene alla luce la villa di Quinto Voconio Pollione. In questo grande fabbricato a pianta rettangolare furono ritrovate sculture, tavole iliache e altro. Tra le sculture da citare l’Apollo citaredo ottimamente conservato e ora nei Musei Vaticani, l’Apollo Pithios esposto nelle scalinate di Palazzo Valentini, un Eroe, un Marsia, una Vestale, Capitelli Corinzi e infine delle Tavole Iliache, bassorilievi rappresentanti poemi omerici ora conservati nei Musei Capitolini a Roma.In altri punti del territorio sono stati inoltre scoperti sarcofagi, rilievi in marmo, statue e monete varie, un edificio medievale con un ara di peperino, resti di ville, tombe a capanna lucerne e frammenti di sculture.Molto famoso poi è l’Apoteosi di Omero un prezioso ex voto in marmo ritrovato sull’Appia Antica nel 1805 e ora esposto al British Museum di Londra.Purtroppo in quel periodo molti ritrovamenti sono andati perduti o venduti e comunque Ciampino non possiede praticamente nessuno dei “tesori” ritrovati. Questi sono ora nei tanti musei di Roma, al Vaticano, a Londra, oppure mostrati in bella vista nei palazzi d’epoca o peggio sparsi per il mondo e sconosciuti a tutti.Recentemente l’Assessorato al Patrimonio del comune ha richiesto la restituzione dei reperti ritrovati nel proprio territorio, ai vari enti preposti con l’intenzione di riportare e riunire tutti questi capolavori in un unico museo di Ciampino.